Inspira e allunga la colonna vertebrale, come se ti sollevassi dai fianchi.

Inspira e allunga la colonna vertebrale, come se ti sollevassi dai fianchi.

Scommetto che lo fa.

Parte 1: Come selezionare gli esercizi giusti per i tuoi clienti

Parte 2: come selezionare la giusta intensità e ripetizioni per i tuoi clienti

Il primo passo per costruire un business di successo, che tu sia un personal trainer, un istruttore di fitness di gruppo o un allenatore della salute, è la ricerca di mercato, che implica capire dove presentarsi per comunicare con potenziali clienti o partecipanti, cosa fornire e come valutare i tuoi servizi per servire efficacemente il tuo mercato di riferimento.

Tieni presente che non tutte le domande elencate di seguito si applicano a tutti i potenziali prodotti e servizi che potresti offrire, quindi dovrai scegliere quali sono più importanti per te e la tua attività. Dovrai anche considerare se intendi essere un servizio locale focalizzato sulla tua comunità o desideri una portata più ampia, il che richiederebbe l’espansione della tua ricerca oltre la tua area immediata. Inoltre, non è un elenco esaustivo di tutte le domande che vorrai porre, ma dovrebbe fornire un buon punto di partenza per portarti nella giusta direzione. È una buona idea rivedere questo elenco di tanto in tanto per assicurarti di non perdere nessuna opportunità per migliorare la tua capacità di raggiungere la tua base di clienti.

Opportunità di sensibilizzazione

Questo passaggio implica determinare dove si riuniscono i tuoi clienti target e dove ottengono le loro informazioni, in modo che tu sappia dove presentarsi e commercializzare i tuoi servizi. Può trattarsi di qualsiasi cosa, dal centro commerciale locale ai siti Web o ai social media che frequentano. Il punto è capire come puoi trovare e comunicare al meglio con il tuo mercato di riferimento.

Dove si riunisce il mio mercato di riferimento nella comunità?

Dove fanno la spesa?Dove vanno per passare il tempo?Dove si riuniscono?Quali servizi professionali utilizzano?Quali stabilimenti frequentano?

Da dove prende le informazioni il mio mercato di riferimento (pensa agli “influencer” nella tua comunità)?

Quali organizzazioni forniscono newsletter per il mio mercato di riferimento?Quali Facebook o altri gruppi di social media esistono per il mio mercato di riferimento nella mia zona?Quali account Instagram seguono per notizie e informazioni locali?Ci sono gruppi specifici nella tua comunità a cui il tuo mercato di riferimento può aderire?Ci sono membri specifici del tuo mercato di riferimento che esercitano un’influenza significativa nella tua comunità (ad esempio, presidente della PTA, atleta di spicco delle scuole superiori o leader di un comitato chiave in una comunità di pensionati)?

Offerte

Questo passaggio comporta l’identificazione di ciò che sta accadendo nel mondo della salute e del benessere, sia a livello locale che più ampio, per identificare i prodotti e i servizi che potrebbero servire al meglio il tuo mercato di riferimento. È importante pensare oltre le quattro mura della tradizionale palestra per scoprire opportunità per raggiungere potenziali clienti.

Passaggio 1 di questa parte del processo per raccogliere idee su ciò che si desidera offrire ai potenziali clienti o partecipanti. Per fare ciò, devi prima sapere cosa c’è attualmente disponibile per il tuo mercato di riferimento:

Elenca tutte le potenziali opportunità di lavoro per i professionisti dell’esercizio fisico e gli allenatori della salute nella tua comunità che forniscono offerte per il tuo mercato di riferimento. Utilizza i nostri elenchi di opportunità di lavoro per coach della salute, istruttore di fitness di gruppo e personal trainer per iniziare.Elenca tutte le offerte indipendenti nella tua zona (ad es. Bootcamp all’aperto e opportunità di benessere aziendale).Elenca eventuali altri servizi, programmi o corsi forniti al di fuori di questi spazi tradizionali che saranno in diretta concorrenza con ciò che intendi offrire.

Ora, approfondisci le offerte attualmente esistenti. Esamina i siti Web corrispondenti o ottieni pass per gli ospiti e visita le strutture, se possibile. E non dimenticare le offerte virtuali. Ci sono siti web, app mobili o offerte digitali che i tuoi potenziali clienti o partecipanti tendono a frequentare? Scopri se offrono una prova gratuita o partecipa a una o due sessioni per saperne di più. Rispondi alle seguenti domande:

Quali classi offrono?Quali servizi offrono?Quali programmi offrono?Come vengono forniti quei corsi, servizi o programmi?Per cosa sono conosciuti o cosa rende unico l’offerta?

Prezzi

Dovrai valutare le tue offerte in modo competitivo. Capire cosa sta succedendo nel settore del fitness in generale, così come a livello locale, ti aiuterà a determinare il miglior percorso da seguire. Ecco alcuni suggerimenti per iniziare a fare questa ricerca:

Come vengono confezionati i servizi (ad es. à la carte o drop-in, pacchetti o bozza mensile)?Come vengono valutati i servizi?Quali sono i dettagli del contratto, se presenti, relativi ai pacchetti (ad esempio, durata dell’impegno e date di scadenza)?C’è una politica di cancellazione o rimborso?Fanno offerte speciali o offerte frequentemente?

Puoi anche prendere in considerazione la revisione dei rapporti sui compensi del settore disponibili da ACE e altre organizzazioni nel settore del fitness e del coaching sanitario, come IDEA, Association of Fitness Studios e IHRSA, per ottenere una prospettiva su ciò che sta accadendo nel settore in generale.

Molte persone cercano di invertire gli effetti dell’invecchiamento o di tenerlo a bada seguendo una dieta sana, facendo esercizio e praticando la cura di sé. Le leggi della natura, tuttavia, hanno piani diversi per l’invecchiamento dei corpi.

Le articolazioni, in particolare, possono diventare fonti di dolore e immobilità. Con l’avanzare dell’età, le articolazioni diventano meno flessibili e più fragili. La cartilagine può sfregarsi e può verificarsi calcificazione, specialmente nelle spalle, che può provocare speroni ossei.

Le malattie degenerative come l’artrosi possono essere molto dolorose e portare a una maggiore perdita di mobilità e salute generale.

La colonna vertebrale è composta da molte articolazioni vertebrali e la compressione del disco spinale può essere fonte di mal di schiena per molte persone. Tuttavia, migliorare la postura attraverso una pratica yoga può aiutare a mantenere la colonna vertebrale sana e mobile. In effetti, lo yoga è un ottimo modo per alleviare la rigidità e il dolore associati all’invecchiamento articolare e all’artrite. Il movimento delicato e consapevole aiuta nelle risposte di rilassamento nel corpo e può essere un modo efficace per raggiungere in profondità le fessure e gli angoli delle articolazioni.

Ellen Saltonstall, un’insegnante di yoga con l’osteoartrite alle mani, a un piede e alla parte bassa della schiena, attribuisce la sua pratica yoga quotidiana da 60 a 90 minuti per mantenerla agile. “Trovo che una pratica quotidiana aiuti di più. Quando salto qualche giorno, mi sembra di essere invecchiata di 10 anni”, ha detto a Yoga Journal nel 2009.

La ricerca sembra essere d’accordo con lei. Uno studio del 2015 pubblicato sul Journal of Rheumatology ha scoperto che la pratica dello yoga aumenta l’umore e la salute fisica tra gli adulti sedentari con una salute articolare in declino. Praticato tre volte a settimana, lo yoga ha migliorato anche il dolore e i livelli di energia.

Trovare lo Yoga Giusto

Naturalmente, non tutte le lezioni di yoga sono progettate per alleviare l’invecchiamento delle articolazioni. Gli stili di yoga più intensi, come l’Ashtanga e il Vinyasa, non sono pensati per i principianti o per chi ha le articolazioni invecchiate. Invece, esorta i tuoi clienti a provare lezioni di yoga per principianti, delicate o hatha. Lo Yin Yoga, che incorpora lunghe posizioni di posa, spesso supportate da oggetti di scena, può aiutare a costruire la muscolatura attorno alle articolazioni che contribuirà ad aumentare il supporto per quelle articolazioni. Esorta i tuoi clienti a parlare con l’istruttore prima della lezione per spiegare le loro condizioni e chiedere modifiche se qualche posa è dolorosa. Incoraggia sempre i clienti a consultare un medico prima di intraprendere una nuova attività di movimento.

Tre pose per alleviare il dolore articolare

Queste tre pose sono generalmente sicure per la maggior parte delle persone e possono aiutare ad alleviare il dolore articolare:

Affondo in ginocchio (per ginocchia, caviglie e fianchi)

Gli affondi aiutano a costruire i muscoli delle gambe che supportano l’articolazione del ginocchio. Inginocchiarsi nell’affondo offre l’opportunità di entrare in profondità nei fianchi, costruendo stabilità attorno all’anca esterna. La posa richiede anche equilibrio, quindi costruisce forza nei muscoli più piccoli che sostengono i piedi e le caviglie.

Inizia su mani e ginocchia e fai passare il piede sinistro tra le mani. Assicurati che il ginocchio sia posizionato sopra la caviglia e che il piede sia puntato dritto in avanti. Porta dei blocchi sotto le mani e allunga la colonna vertebrale. In caso di fastidio al ginocchio posteriore, metti una coperta piegata o un asciugamano sotto o piega in due il tappetino da yoga. Inspirate e allungate la colonna vertebrale, sollevandola dalla sommità della testa e estendendola attraverso il petto. Espira e abbassa i fianchi verso il pavimento. Continua a respirare usando questo schema di estensione e approfondimento per almeno 10 respiri. Ripeti dall’altra parte.

Twist da seduti (per fianchi, colonna vertebrale e spalle)

Tutte le torsioni sono benefiche per la salute della colonna vertebrale. Questo incorpora lo stretching e il rafforzamento per le spalle, la parte superiore della schiena e i fianchi.

Da un comodo sedile, allunga entrambe le gambe dritte davanti a te e allontana la parte carnosa dei glutei per sederti uniformemente sulle ossa della seduta. Porta la gamba sinistra attraverso la destra in modo che il piede sinistro sia ben piantato all’esterno della coscia destra e il ginocchio sinistro sia in aria. Rimani anche su entrambe le ossa. Piega insumed prezzo in farmacia la gamba destra in modo che il tallone destro fuoriesca dall’anca sinistra. Se questo crea una posizione irregolare nei fianchi, allunga nuovamente la gamba destra. Inspira e allunga la colonna vertebrale, come se ti sollevassi dai fianchi. Espira e ruota verso sinistra, mantenendo i fianchi dritti e la colonna vertebrale lunga. Il braccio sinistro può fermarsi dietro l’anca sinistra e il braccio destro può trovarsi all’interno del ginocchio destro o ovunque si senta sicuro e comodo. Continua a respirare profondamente, seguendo lo schema di estensione durante l’inspirazione e continuando delicatamente la torsione a destra durante l’espirazione. Continuare per almeno 10 respiri, impegnare il nucleo per tornare al centro e cambiare lato.

Posizione del delfino (per spalle e colonna vertebrale)

La posa del delfino è ottima per rafforzare la cintura scapolare, che è la chiave per supportare la complessa struttura dell’articolazione della spalla. All’inizio può essere difficile mantenere questa posa per molto tempo, ma man mano che il tuo cliente costruisce forza e flessibilità nelle spalle, inizierà a sentirsi più facile. È anche una leggera inversione, che allenta la tensione nella colonna vertebrale.

Dalle mani e dalle ginocchia, sali sugli avambracci e unisci le mani. Piega le dita dei piedi e solleva i fianchi per assumere una forma a “V” rovesciata, proprio come il cane rivolto verso il basso, ma sugli avambracci. Tieni la testa sollevata dal pavimento e guarda al centro del tappetino. Fermati qui e respira, concentrandoti sulla pressione degli avambracci sul pavimento, rilassando il collo, mantenendo la schiena lunga, i fianchi sollevati, il nucleo impegnato e i talloni che raggiungono il pavimento.

Espandi le tue conoscenze

ACE offre un’opportunità di studio autonomo per saperne di più sulla costruzione e il mantenimento di articolazioni sane. Dai un’occhiata al framework dei tuoi clienti: 7 passaggi per muscoli, ossa e articolazioni sani.

Se hai intenzione di farlo, potresti anche farlo bene. Questo vale per quasi tutto nella vita e l’allenamento della forza non è diverso. È troppo importante, e il tuo tempo è troppo prezioso, per non farlo bene.

Considera questa citazione dal fantastico libro di Chris Crowley e del Dr. Henry Lodge, Younger Next Year: “L’allenamento cardio può salvarti la vita, ma l’allenamento di resistenza lo rende degno di essere vissuto”. Questo illustra la qualità essenziale che possiede l’allenamento della forza. Il cardio rende più capaci i polmoni, il cuore e il sangue, mentre l’allenamento della forza migliora le ossa, i muscoli e le articolazioni, facendoti sentire meglio mentre ti muovi e fai le cose.

Ecco quattro errori comuni nell’allenamento della forza e alcuni suggerimenti per trasformare questi errori in successi.

1. Cambiare i programmi troppo spesso (spesso chiamato “Program Hopping”)

Ci sono molti programmi di allenamento efficaci. Ci sono anche molte grandi materie che puoi studiare all’università. Qual è la connessione? Al college, ti iscrivi a un corso e poi lo frequenti più volte alla settimana, per un intero semestre. ovvio, no? Naturalmente, questo è il modo migliore per acquisire una conoscenza e una padronanza sufficienti di un argomento per renderlo utile.

Immagina un college che ti permetta di cambiare le tue lezioni ogni due settimane. Trascorrerai non più di due o tre settimane in ogni classe e poi passerai a nuove classi. Proprio mentre stai arrivando al punto in cui stai effettivamente iniziando a imparare qualcosa e a migliorarti un po’, il cambiamento avviene e non c’è più. Questo è ridicolo! Eppure, questo è esattamente ciò che la maggior parte delle persone fa con i propri programmi di allenamento.

Nessuno si deforma dall’oggi al domani. In realtà è un processo relativamente lungo di ripetizione coerente di una combinazione di comportamenti che si traduce in una trasformazione fisica dato abbastanza tempo. E la stessa identica cosa vale per ciò che serve per mettersi in forma.

Eppure, in qualche modo, con l’allenamento della forza, la semplice verità su ciò che serve per vedere i progressi viene spesso abbandonata a favore di un nuovo programma dopo poche settimane, perché non è avvenuta una trasformazione radicale.

RISOLVI L’ERRORE: una volta iniziato un programma efficace, entraci, fai il lavoro e assicurati di mantenerlo costantemente progressivo in modo che le cose diventino un po’ più impegnative man mano che il tuo corpo inizia ad adattarsi. Il resto di questo articolo contiene alcuni ottimi suggerimenti per fare proprio questo, ma nessun programma sarà efficace se non lo segui abbastanza a lungo da vedere i risultati. Quanto tempo è abbastanza a lungo? Consiglio un minimo di quattro settimane, con un massimo di 10-12 settimane prima di cambiare programma.

2. Sollevamento…senza spostamento o torsione

La maggior parte degli esercizi di sollevamento pesi comportano il sollevamento, opponendosi direttamente alla gravità spostando la resistenza verticalmente su e giù (ad esempio, squat, sollevamento da terra, pressa per le spalle, pull-up). Ma nella vita solleviamo, spostiamo e torchiamo le cose che teniamo, anche se siamo solo noi stessi. Ci muoviamo attraverso la gravità, il che significa che dobbiamo affrontare lo slancio. Viviamo e ci muoviamo su tre piani di movimento, quindi un programma di allenamento della forza su tre piani di movimento è essenziale.

RISOLVI L’ERRORE: abbiamo fatto un ottimo lavoro nel diffondere il messaggio che l’allenamento di resistenza (“lifting”) è essenziale per il fitness. Ora abbiamo bisogno di espandere la definizione di sollevamento per includere lo spostamento e la torsione. Le opzioni di esercizio qui sono quasi illimitate. Fare clic qui per visualizzare tre ottimi esempi di questi esercizi da un articolo completo che ho scritto su questo argomento.

3. Non cambiare mai la tua velocità

L’allenamento della forza è ottimo per lo sviluppo muscolare ed estetico, ma è altrettanto importante farlo per tutta la vita in generale. La vita ti viene incontro a velocità diverse. A volte la vita ti fa muovere velocemente, come quando per poco non fai cadere il cellulare. A volte la vita ti fa muovere veloce e imprevedibile, come quando qualcuno ti urta mentre cammini per strada.

Eppure con l’allenamento della forza, di solito viene eseguito a un ritmo lento e controllato per preoccupazione per la sicurezza. In qualche modo, l’aggiunta di velocità viene automaticamente considerata pericolosa. La velocità senza abilità è pericolosa. Ma la velocità che si aggiunge all’abilità è l’essenza del movimento nella vita e nello sport. Se tutto il tuo allenamento della forza è lento e controllato, allora non ti stai davvero preparando per tutto ciò che la vita può offrirti.

Per essere chiari sui termini, l’allenamento della “forza” sinceramente viene eseguito per un basso numero di ripetizioni con un’elevata resistenza (vedi errore successivo, sotto). Nell’uso comune, “allenamento di forza” e “allenamento di resistenza” sono usati in modo intercambiabile, sebbene il primo sia in realtà un tipo del secondo. Quando aggiungi velocità, ti alleni più per la potenza o la reattività che per la forza.