Vuoi che il pesto sia come una salsa, piuttosto che una miscela secca.

Vuoi che il pesto sia come una salsa, piuttosto che una miscela secca.

Il primo passo è capire se il tuo amico peloso ha o meno un peso sano. Lee suggerisce che osservare la forma generale del tuo cane può aiutarti a determinarlo.

“Dovresti essere in grado di vedere e sentire facilmente le costole del tuo cane e vedere una piega addominale o una vita”, dice. “Se non puoi, è ora di mettersi a dieta.”

Per i cagnolini che portano chili in più, ecco tre cambiamenti da considerare nel regime del tuo cane:

1. Esamina la nutrizione e il consumo del tuo cane.

Lee suggerisce che semplicemente ridurre le porzioni che stai alimentando è un buon primo passo, dicendo: “La mia regola generale è che i proprietari di cani riducano del 25%. Molti proprietari di animali interpretano le istruzioni su un sacchetto di cibo in modo errato e si nutrono per un cane di 80 libbre quando il loro cane dovrebbe davvero pesare 70 libbre.

La ricerca conferma la regola del 25%. Uno studio dell’American Veterinary Medical Association ha accoppiato un gruppo di Labrador retriever, alimentando uno del 25% in meno di cibo rispetto all’altro in ogni coppia per tutta la vita. I risultati sono stati conclusivi, mostrando che limitare il cibo del 25% ha aumentato la durata media della vita e ha ritardato l’insorgenza dei primi segni di malattia cronica.

2. Consulta il tuo veterinario per discutere di come specifici cambiamenti nella dieta possono avere un impatto sul tuo cane.

Per casi estremi, il veterinario può suggerire qualcosa di più specifico. “Esistono diete su prescrizione progettate per aiutare specificamente il tuo cane a perdere peso, comprese quelle con più fibre per farli sentire più pieni, una mirata alla nutrigenomica e quelle che hanno meno proteine ​​per i cani anziani che sono obesi”, spiega Lee. “In caso di dubbio, controlla con il tuo veterinario.”

3. Aumenta l’attività fisica del tuo cane (e della tua).  

Naturalmente, anche l’attività fisica è una parte importante dell’equazione di perdita di peso. A meno che tu non stia pianificando di addestrare il tuo cane a camminare su un tapis roulant, c’è un vantaggio reciproco per te e il tuo cane quando si tratta di aumentare l’esercizio.

“Gli studi hanno dimostrato che se eserciti di più il tuo cane, tu e il tuo cane perderete peso, quindi esci e porta a spasso il tuo cane”, dice Lee.

In effetti, se hai bisogno di ulteriori prove di quanto il nostro stile di vita sia strettamente intrecciato con quello dei nostri cani, uno studio pubblicato dall’American Veterinary Medical Association ha concluso che: “I proprietari meno attivi generalmente avevano cani meno attivi”. In parole povere, più ti muovi, più è probabile che il tuo cane lo faccia, il che porta a risultati di salute migliori per tutte le persone coinvolte.

Come minimo, i cani dovrebbero partecipare a due sessioni di gioco di 15 minuti al giorno. Se non sei sicuro che il tuo cane stia facendo abbastanza esercizio nel complesso, prendi in considerazione l’acquisto di un monitor per la salute che si aggancia al collare. Proprio come i fitness tracker funzionano per gli umani, questi dispositivi possono offrire metriche vitali sulla salute su tutto, dai livelli di attività del tuo cane a cose come il cuore a riposo e la frequenza respiratoria.

“Se il tuo cane ha bisogno di perdere peso, ricorda queste tre cose: dai da mangiare di meno, fai più esercizio e pesa il tuo cane ogni due settimane”, aggiunge Lee. “Con questi semplici passaggi, puoi aiutare il tuo cane a rimanere più felice e più sano.”

Foto di Mackenzie Lobby.

Quando si cerca di mangiare in modo più sano, una strategia comune è optare per versioni più nutrienti degli alimenti che già si mangia. Ad esempio, potresti scegliere pane integrale al posto del tradizionale bianco o sostituire lo yogurt zuccherato con un semplice yogurt greco ricco di proteine condita con frutta. E poiché lo zucchero e i dolcificanti artificiali sono spesso diffamati, potresti chiederti se dovresti sostituire lo zucchero bianco raffinato con lo zucchero grezzo.

Ecco cosa devi sapere su come i due zuccheri si confrontano dal punto di vista nutrizionale e perché il consumo complessivo di zucchero svolge un ruolo più importante per la tua salute.

PROFILI NUTRIZIONALI DELLO ZUCCHERO RAFFINATO E GREZZO

Sebbene lo zucchero grezzo possa sembrare un’opzione più salutare perché è meno lavorato, ha lo stesso profilo nutritivo della sua controparte raffinata: entrambi contengono tracce di micronutrienti e hanno lo stesso numero di calorie, carboidrati e zucchero per cucchiaino.

“Lo zucchero grezzo e quello raffinato sono la stessa cosa: sono saccarosio”, afferma il dott. Robert Lustig, neuroendocrinologo pediatrico dell’Università della California, a San Francisco, che ha pubblicato un’ampia ricerca sugli effetti dello zucchero sul corpo. La differenza principale è la consistenza: “Lo zucchero grezzo ha ancora alcune impurità dal processo di cristallizzazione e non è stato sbiancato”, spiega Lustig.

COME TRATTA IL CORPO ZUCCHERO RAFFINATO E GREZZO

Anche se in genere è un’idea intelligente stare lontano da cibi che sono più elaborati quando vengono preparati, è slim vit anche importante considerare come il tuo corpo li scompone. “Lo zucchero grezzo viene ancora lavorato allo stesso modo metabolicamente dello zucchero raffinato”, osserva Lustig. Inoltre, “non esiste alcuna ricerca che suggerisca che il passaggio dallo zucchero raffinato a quello grezzo possa aiutarti a mangiare meno zucchero”, afferma Joelle Malinowski, RD, portavoce dell’Accademia di nutrizione e dietetica dello Stato di New York. “Ti abitui al sapore di una cosa quando ci aggiungi molto zucchero. Ma se diminuisci gradualmente la quantità di zucchero grezzo o raffinato che usi, puoi gradualmente svezzarti e non perderlo nemmeno “, aggiunge Malinowski. E, in definitiva, mangiare meno zucchero in generale è l’obiettivo.

LA LINEA DI FONDO

Piuttosto che concentrarti su quale zucchero metti nel caffè o aggiungi alla tua farina d’avena mattutina, considera quanto stai aggiungendo. L’Organizzazione mondiale della sanità e le linee guida dietetiche USDA raccomandano di limitare lo zucchero aggiunto a meno del 10% delle calorie giornaliere, che sarebbero circa 50 grammi di zucchero aggiunto in base a una dieta da 2000 calorie.

Ridurre lo zucchero può avere effetti positivi sul peso, sui livelli di zucchero nel sangue e sulla salute generale. Prova a registrare il tuo cibo per vedere dove si trova il tuo consumo giornaliero di zucchero e poi cerca dei modi per ridurlo a partire dalla colazione.

Due gustosi tacos di maiale per poco più di 350 calorie? Sì grazie. I tacos di filetto di maiale arrosto magro di Cooking Light sono conditi con una crema messicana densa e leggermente piccante (o panna acida) per una finitura rinfrescante.

    Stampa

Tacos di filetto di maiale arrosto

ingredienti

1 libbra di filetto di maiale, mondato1/2 cucchiaino di pepe nero appena macinato1/4 di cucchiaino di sale1 cucchiaio di olio di canola2 cucchiai di marinata al mojo1/2 bicchiere di aceto di vino bianco3 cucchiai di acqua1 1/2 cucchiai di zucchero1 tazza di cipolla rossa affettata sottilmente verticalmente8 tortillas di mais da 6 pollici (circa 50 calorie ciascuna)1 peperoncino jalapeño, tagliato in 16 fette1 avocado maturo, tagliato in 16 spicchi4 cucchiai di crema messicana (o panna acida)

Indicazioni

Preriscaldare il forno a 425F gradi.

Cospargere la carne di maiale con pepe e sale. Scaldare una padella grande da forno a fuoco medio-alto. Aggiungere l’olio alla padella; vortice per rivestire. Aggiungi carne di maiale; cuocere 5 minuti, facendo dorare da tutti i lati. Mettere la teglia in forno. Infornare a 425° per 8 minuti o fino a quando un termometro registra 145° (leggermente rosa); lasciare riposare 5 minuti. Tagliare trasversalmente in 16 fette. Unire la marinata di maiale e mojo in una ciotola media; gettare per ricoprire il maiale.

Unire l’aceto, 3 cucchiai d’acqua e lo zucchero in una piccola casseruola; portare ad ebollizione. Togliere dal fuoco; aggiungere la cipolla. Lasciar riposare 10 minuti; drenare.

Lavorando con 1 tortilla alla volta, tostare in padella o sulla fiamma di un fornello a gas finché sono teneri e anneriti in punti. Disponete al centro di ogni tortilla 2 fettine di maiale; guarnire con circa 2 cucchiai di cipolla, 2 fette di jalapeño, 2 spicchi di avocado e 1 1/2 cucchiaino di crema.

Informazioni nutrizionali

Porzioni: 4 | Porzione: 2 tacos

Per porzione: Calorie: 362; Grassi totali: 17 g; Grassi Saturi: 2g; Grassi Monoinsaturi: 8g; Colesterolo: 82mg; Sodio: 4238 mg; Carboidrati totali: 27g; Fibra alimentare: 6g; Zuccheri: 4g; Proteine: 28g

Bonus nutrizionale: potassio: 612 mg; Vitamina A: 3%; Vitamina C: 11%; Calcio: 3%; Ferro: 11%

Trova altri pasti per la cena a basso contenuto calorico come questo dalla nuova Dieta Cooking Light, dove puoi perdere peso senza rinunciare ai cibi che ami. Scopri di più su CookingLightDiet.com. Segui Cooking Light su Facebook per ulteriori ispirazioni alle ricette quotidiane.

Segui Cooking Light su Facebook per l’ispirazione quotidiana alle ricette.

Mentre i tradizionali noodles a base di farina possono far parte di una dieta ben bilanciata, oggi ci sono una miriade di alternative come verdure a spirale, soba e altro ancora. Puoi usarli in tutto, dalla frittata al ramen e persino per rendere più salutare i bagel. Queste 10 ricette non sono solo deliziose: hanno tutte meno di 370 calorie per porzione.

1. INSALATA DI NOODLE CON POLLO E SOBA CON CONDIMENTO ALLO ZENZERO | LE RICETTE DI MYFITNESSPAL

Nutrizione (per porzione): calorie: 369; Grassi totali: 9 g; Grassi Saturi: 1g; Grassi monoinsaturi: 4g; Colesterolo: 68mg; Sodio: 644 mg; Carboidrati: 45 g; Fibra alimentare: 1g; Zucchero: 8g; Proteine: 30g

2. FRITTATA DI ZUCCHINE CON FORMAGGIO DI CAPRA E POMODORI SECCHI | ISPIRATO

Nutrizione (per porzione): calorie: 188; Grassi totali: 11 g; Grassi Saturi: 4g; Grassi monoinsaturi: 4g; Colesterolo: 375mg; Sodio: 190mg; Carboidrati: 6g; Fibra alimentare: 1g; Zucchero: 4g; Proteine: 16g

3. CIOTOLE ZOODLE DI PATATE DOLCI DEL SUD-OVEST | LA MIA FRESCA PROSPETTIVA

Nutrizione (per porzione): calorie: 298; Grassi totali: 9 g; Grassi Saturi: 1g; Grassi Monoinsaturi: 7g; Colesterolo: 0mg; Sodio: 184mg; Carboidrati: 45 g; Fibra alimentare: 12g; Zucchero: 10 g; Proteine: 10g

4. “ZOODLES” DI PESTO CON CAVOLETTI DI BRUXELLES | LE RICETTE DI MYFITNESSPAL

Nutrizione (per porzione): calorie: 306; Grassi Totali: 27g; Grassi Saturi: 3g; Grassi Monoinsaturi: 18g; Colesterolo: 0mg; Sodio: 491 mg; Carboidrati: 15 g; Fibra alimentare: 5g; Zucchero: 7g; Proteine: 5g

5. CIOTOLA PER NOODLE ZUCCHINI DI POLLO E AVOCADO | LE RICETTE DI MYFITNESSPAL

Nutrizione (per porzione): calorie: 261; Grassi totali: 9 g; Grassi Saturi: 1g; Grassi Monoinsaturi: 6g; Colesterolo: 67mg; Sodio: 407mg; Carboidrati: 15 g; Fibra alimentare: 3g; Zucchero: 6g; Proteine: 29g

6. SPIRALIZZATO TUTTO BAGEL | ISPIRATO

Nutrizione (per porzione): calorie: 168; Grassi totali: 9 g; Grassi Saturi: 1g; Grassi Monoinsaturi: 6g; Colesterolo: 46mg; Sodio: 332 mg; Carboidrati: 18 g; Fibra alimentare: 2g; Zucchero: 1 g; Proteine: 5g

7. GAMBERO & PASTA ALLO ZOODLE DI ASPARAGI | MANGIARE CIBO PER UCCELLI

Nutrizione (per porzione): calorie: 352; Grassi totali: 10 g; Grassi Saturi: 1g; Grassi Monoinsaturi: 5g; Colesterolo: 361 mg; Sodio: 727 mg; Carboidrati: 21 g; Fibra alimentare: 7g; Zucchero: 10 g; Proteine: 48g

8. INCREDIBILE INSALATA DI NOODLE VEGGIE | LE RICETTE DI MYFITNESSPAL

Nutrizione (per porzione): calorie: 266; Grassi totali: 19 g; Grassi Saturi: 2g; Grassi monoinsaturi: 0g; Colesterolo: 0mg; Sodio: 235 mg; Carboidrati: 20 g; Fibra alimentare: 7g; Zucchero: 11g; Proteine: 7g

9. ZUPPA DI POLLO CON CHIPOTLE ZUCCHINE “FIDEO” | SKINNYTASTE

Nutrizione (per porzione): calorie: 286; Grassi totali: 11 g; Grassi Saturi: 4g; Grassi Monoinsaturi: 7g; Colesterolo: 73mg; Sodio: 760mg; Carboidrati: 16g; Fibra alimentare: 5g; Zucchero: 5g; Proteine: 31g

10. RAMEN VEGETARIANO CON BRODO ALL’AGLIO E ZENZERO | LA RADICE ARROSTO

Nutrizione (per porzione): calorie: 295; Grassi totali: 9 g; Grassi Saturi: 1g; Grassi Monoinsaturi: 6g; Colesterolo: 0mg; Sodio: 96mg; Carboidrati: 31 g; Fibra alimentare: 2g; Zucchero: 1 g; Proteine: 6g

Vuoi un modo sano e unico per ottenere la tua dose di carboidrati? Prova la ricetta di 24 carote per lenticchie e patate novelle condite con un pesto di coriandolo. Questo piatto è ricco di sapore del pesto di coriandolo e offre un sacco di fibre – 11 grammi di fibre per l’esattezza. Se non ti piace il coriandolo sentiti libero di aggiungere il tradizionale basilico fresco quando prepari il tuo pesto. Curiosità: le lenticchie sono un’ottima fonte di fibra solubile che forma un gel nell’intestino per rallentare la digestione (facendoti sentire più sazi) e aiuta a ridurre il colesterolo LDL nel sangue.

    Stampa

Lenticchie & Patate novelle al pesto di coriandolo

ingredienti

3 tazze di patate fingerling1 tazza di lenticchie3 gambi di scalogno, affettati sottilmente3 tazze di coriandolo leggermente confezionato, gambi e foglie1 tazza di semi di zucca (noti anche come Pepitas)3 spicchi d’aglio1/3 tazza di parmigiano, grattugiato1 cucchiaio di succo di limone1/2 cucchiaino di sale1/3 di tazza di olio d’olivaOpzionale: pepe nero a piacere

Indicazioni

Riempi una pentola capiente con acqua sufficiente a coprire le patate quando sono nella pentola. Portare l’acqua a bollore e aggiungere le patate nella pentola. Copri la pentola e fai bollire le patate per circa 15 minuti o finché non riesci a infilarci facilmente una forchetta. Scolare e mettere da parte. Cuocere le lenticchie secondo la confezione. Scolare e mettere da parte.

Tostare i semi di zucca in una padella di media grandezza sul fuoco, mescolando spesso finché non saranno leggermente dorati. Prepara il pesto combinando coriandolo, pepitas tostate, aglio, parmigiano, succo di limone, sale e una spruzzata di olio d’oliva in un robot da cucina. Impulso per combinare. Aggiungere il resto dell’olio lentamente mentre si continua a lavorare. Vuoi che il pesto sia come una salsa, piuttosto che una miscela secca.

Unire patate, lenticchie e scalogno in una ciotola di medie dimensioni. Aggiungere il pesto alle patate, lenticchie e scalogno e mescolare per unire. Prova per vedere se vuoi aggiungere più sale o pepe.

Informazioni nutrizionali

Porzioni: 5  | Porzione: 1 tazza

Per porzione: calorie: 367; Grassi totali: 22 g; Grassi Saturi: 3g; Grassi Monoinsaturi: 11g; Colesterolo: 6mg; Sodio: 444mg; Carboidrati: 29 g; Fibra alimentare: 5g; Zucchero: 1 g; Proteine ​​14g

Bonus nutrizionale: potassio: 241 mg; Ferro: 13%; Vitamina A: 13%; Vitamina C: 9%; Calcio: 9% 

Katie è l’autrice di 24 Carrot Life, un blog di cibo (principalmente) sano con ricette semplici e veloci che mostrano che puoi vivere uno stile di vita alimentare decadente pur mantenendo le cose semplici, sane e basate su cibi integrali. Lavora a tempo pieno in un’organizzazione no-profit e ha sede a Philadelphia, PA.

Foto per gentile concessione di Katie Oberwager. La ricetta originale è disponibile su 24 Carrot Life.

Si sente così tanto parlare di cancro al seno (soprattutto in questo periodo dell’anno) che è facile pensare che ne siamo al top. Ma la scienza cambia continuamente, il che significa che la nostra conoscenza di questa malattia: cosa la causa, come prevenirlo, come trattarlo, è in continua evoluzione. Ecco cosa devi sapere ora:

1. Kale è fantastico, ma non è ancora abbastanza.

Uno studio pubblicato a giugno sull’American Journal of Clinical Nutrition ha monitorato le donne per 20 anni e ha esaminato campioni di sangue che misuravano i livelli di carotenoidi (composti in frutta e verdura che danno loro il colore). I ricercatori hanno scoperto che le donne con i livelli di carotenoidi più alti hanno avuto una riduzione del 23% del rischio di cancro al seno rispetto a quelle con i livelli più bassi. Inoltre, afferma l’autore dello studio Heather Eliassen, Sc.D., professore associato di medicina presso la Harvard Medical School e il Brigham and Women’s Hospital, le donne con alti livelli di carotenoidi che hanno contratto il cancro al seno avevano meno probabilità di recidiva o di morire per esso. Non tutti i carotenoidi hanno lo stesso effetto, quindi ricorda di mangiare un arcobaleno di prodotti per ottenere i massimi benefici.

2. Ogni bicchiere di vino è importante.

Un recente studio di Harvard su oltre 88.000 donne suggerisce che anche bere poco, come in un solo drink al giorno, aumenta il rischio di tumori legati all’alcol, in gran parte al seno, del 13%. (C’è un rischio anche per i non fumatori che bevono leggermente, una connessione che non era stata inchiodata prima.) La linea di fondo: se sei già a più alto rischio di cancro al seno a causa della storia familiare o di altri fattori, potresti pensare sulla riduzione del consumo a meno di un drink al giorno o sull’abbonamento, afferma un editoriale che accompagna lo studio.